Tipi di libertarismo: il minarchismo

Con questo post vorrei incominciare una rubrica in cui introduco ed analizzo i vari tipi di libertarismo. Il libertarismo come dicevo nelle FAQ è eterogeneo e variegato e come spesso si dice ci sono tanti tipi di libertarismo quanti sono i libertari. Nel senso che ogni libertario ha una idea un po’ tutta sua del suo modello libertario. Questo può spaventare all’inizio il neofita perché non esiste un’unica scuola di pensiero. Ma è proprio nella natura stessa del libertarismo essere così sfaccettato, e variegato. Questo perché il suo nemico è il monopolio, la standardizzazione, il pensiero unico, il totalitarismo.

Incominciamo con introdurre il più comune tipo di libertarismo ed anche il più soft. Il minarchismo o miniarchismo è un’italizzazione del termine inglese minarchism che deriva a sua volta dal greco composto miniarchos, ovvero governo piccolo, quindi governo minimo.

I più famosi libertari come Ayn Rand (l’oggettivismo randiano è una forma di minarchismo), Ron Paul e Robert Nozick erano e sono minarchici. Il Libertarian Party americano è minarchico.

I minarchici, pur coscienti della natura insidiosa e illiberale dello stato, hanno trovato un compromesso relegando lo stato al solo controllo della giustizia e della difesa. Niente di più. Niente welfare, niente sanità, niente istruzione pubblici.

Lo stato è un male necessario, ma deve essere relegato a pochissime funzioni arbitrali. In questo senso lo stato minarchico viene anche chiamato “stato guardiano notturno“.

Il minarchismo rappresenta una sorta di ponte tra il libertarismo e il liberalismo classico. Infatti i minarchici potrebbero essere definiti libertari soft o liberali hardcore a seconda dei punti di vista. Poiché si trovano in questa sorta di limbo i minarchici non sono ben visti da tutt’e due le parti 🙂

Una delle critiche che gli anarchici individualisti fanno al minarchismo è che comunque esso non risolve il problema ma lo ingabbia momentaneamente ad un angolo. Lo stato infatti può risorgere da un momento all’altro e tornare il Leviatano di sempre. E questo è un fenomeno fisiologico che torna ciclicamente nel momento in cui si dà il monopolio della forza allo stato. In poco tempo la minoranza che detiene il monopolio lo utilizzerà per il proprio profitto.

Un tempo mi sarei definito senza ombra di dubbio un minarchico. Oggi non più ma sicuramente ci sarà l’occasione di parlare del mio modello ideale in futuro.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in minarchismo, tipi di libertarismo e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Tipi di libertarismo: il minarchismo

  1. Pingback: Tipi di libertarismo: l’anarcocapitalismo | Who is John Galt?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...