Una nuova lente

La Scuola Austriaca è simile ad una teoria scientifica nel senso che ti permette di leggere il mondo e la società (ma non può essere considerata come scientifica nel metodo), fare previsioni sul futuro e in definitiva comprenderlo. Molte persone quando non capiscono un fenomeno pensano che sia opera di qualche divinità malvagia e diventano superstiziose. Si rifugiano nelle religioni, nel dio unico che vede tutto e provvede per tutto. In poche parole sono persone che vedono una serie di eventi senza vedere le connessioni che li tengono uniti. Hanno quindi paura dell’ignoto.

La teoria libertaria permette di leggere la realtà, mettere insieme le connessioni che all’uomo comune paiono slegate e grazie a questo può prevedere ciò che avverrà, esattamente come fa l’astronomia col movimento degli astri nel cielo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in libertarismo, scuola austriaca e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Una nuova lente

  1. G.A.M ha detto:

    brrr..sono sempre scettico sulle teorie che si pongono come scientifiche riguardo alle cose umane..per esser scientifica si dovrebbe basare sul metodo galileiano,il rasoio di Ockam e il principio di falsificabilità di Popper..in particolare su quest’ultimo punto mi sembra che ogni disciplina umanistica che voglia porsi come scienza venga a cadere..ne è dimostrazione il fatto che la teoria libertaria fa spesso riferimento a un necessario cambio di mentalità,classificando molte critiche come dovute a una sorta di lavaggio del cervello dovuto a anni di cultura statalista dominante..non critico che possa essere veramente così,ma ricondurre le critiche a questo,rende infalsificabile la teoria,e quindi la rende anche non scientifica (una sorta di petizione di principio)..
    in sostanza una teoria “umana” non deve aspirare al titolo di scienza,il titolo di scienza non le garantisce maggiore dignità,altrimenti basterebbe darsi tutti alla psicologia e alle neuroscienze (scienze sui generis) e tanti saluti..

  2. fabristol ha detto:

    Mi scuso in ritardo riguardo alla associazione con una teoria scientifica ma ieri ho scritto questo pezzo di getto e non mi sono accorto della sciocchezza che ho scritto. Quello che intendevo dire è che similmente ad una teoria scientifica ci permette di leggere il mondo. Ovviamente qui non parlo di metodo scientifico o al principio di falsificabilità. Però numeri ce ne sono eccome ed evidenza pure: per esempio dire che non si possono spendere più soldi di quanti se ne hanno. O che i soldi non crescono sopra gli alberi. O che per produrre un oggetto bisogna impiegare energia. Queste sono osservazioni dei fenomeni (tipo che un oggetto non può essere prodotto senza consumo di energia) a cui possono essere applicate anche formule matematiche.

  3. G.A.M ha detto:

    ok,ok mi era solo saltata la mosca al naso vedendo il paragone stretto con l’astronomia.
    D’accordo sul senso generale e sulle evidenze,senza dubbio!

  4. fabristol ha detto:

    Ma avevi perfettamente ragione. Ho scritto una sciocchezza e ancor più perché viene da me che dovrei sapere cosa è una teoria scientifica.

  5. astrolabio ha detto:

    secondo me è popperiana, nel senso che che si può falsificare mostrando una fallacia nel ragionamento, per esempio krugman ha provato a farlo chiedendo perchè nopn ci sono periodi di di disoccupazione durante i periodi di boom. una critica che si può fare è che ci siano qualche salto logico e qualcosa che si da per scontato ogni tanto, ma questo rende la teoria incompleta piuttosto infalsificabile.

  6. astrolabio ha detto:

    piuttosto “che” infalsificabile

  7. G.A.M ha detto:

    non stavo ritrattando,intendevo dire che il senso generale che hai poi spiegato nel commento l’avevo capito e l’intervento sulla scientificità non voleva metterlo in discussione ma era solo una precisazione,forse anche un po’ ostentata..(si,magari non mi spiego bene,ma infatti quello che espone le idee sei tu,non io u.u )

    p.s. sarei curioso di sapere cosa studi,visto che ti occupi anche di epistemologia.Magari è l’occasione buona per leggere qualcosa dell’altro tuo blog,che pur avendo tra i preferiti,non penso di aver mai letto (mea culpa)..ma il tumblr lo seguo,giuro!

  8. fabristol ha detto:

    Sono un biologo, mi occupo di neuroscienze.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...